Come evitare gli aggiornamenti automatici Mac

Come evitare gli aggiornamenti automatici Mac

Quanti hanno aggiornato il proprio Mac a El Capitan 10.11.5, o versioni successive, avranno notato certamente che il sistema operativo è in grado di scaricare aggiornamenti importanti, come lo stesso MacOS Sierra, in background, notificando all’utente direttamente il passaggio successivo relativo all’installazione. In questa guida, ripresa dalle pagine di idownloadblog, il metodo per evitare gli gli aggiornamenti automatici Mac.

Se non si desidera effettuare automaticamente gli aggiornamenti MacOS in background, è possibile disattivare questa funzionalità con pochi clic, direttamente dalle preferenze del Mac. Ecco come procedere.

Anzitutto è necessario accedere a Preferenze di Sistema → App Store . In questa pagina è sufficiente eliminare la spunta sull’opzione “Scarica gli aggiornamenti disponibili in background”.

Schermata 2016-10-04 alle 14.46.11

D’ora in avanti, il Mac avviserà l’utente quando aggiornamenti software MacOS e aggiornamenti alle app sono disponibili, ma non li scaricherà automaticamente in background. Così facendo, l’utente dovrà avviare manualmente il download degli aggiornamenti, ricevendo poi una notifica di installazione dopo il download.

E’ facile comprendere i benefici di questa guida. Anzitutto, si potranno tenere sotto controllo gli aggiornamenti, prima di scaricarli, evitando che il Mac lavori pesantemente in background. Si potrà, così, decidere di posticipare il download di una mole di dati non indifferente, in un momento in cui non stiamo lavorando al Mac. Inoltre, quanti hanno problemi di spazio disponibile, eviteranno di intasare completamente il proprio HDD o SSD, potendo fare un po’ di pulizia prima di avviare il download di un aggiornamento di sistema.

Il consiglio, però, è quello di lasciare invariata, quindi selezionata, la casella con l’opzione “Installa i file dei dati di sistema e gli aggiornamenti di sicurezza”. In questo caso, il Mac continuerà a scaricare patch di sicurezza senza chiedere il previo consenso degli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *